Victoria


Oggi si parla di qualcosa di veramente notevole, fuori dall'ordinario, qualcosa che ieri sera mi ha fatto ribollire il sangue nelle vene e mi ha fatto vivere un'avventura come se fosse stata mia.
Victoria è un film tedesco del 2015, uscito in pochissime sale italiane solamente qualche mese fa rigorosamente in lingua originale (tedesco e inglese) sottotitolato in italiano, e sempre in lingua originale lo ha anche trasmesso recentemente Rai4 in seconda serata, dando la possibilità a chiunque di vedere questa meraviglia.

Victoria è spagnola, precisamente di Madrid, ed è da poco a Berlino dove lavora in un bar. Una notte, in un locale affollato, dopo aver ballato e bevuto qualcosa, incamminandosi per tornare a casa incontra quattro ragazzi che dicono di essere veri berlinesi e le promettono di farle vedere la vera Berlino. Da quel momento parte la notte di Victoria, di cui chiaramente non vi dirò altro.


E' una di quelle volte in cui cerco di pesare le parole più che in altre situazioni, perché vorrei urlare al mondo quanto mi sia piaciuto, ma al contempo non bisogna sottovalutare il peso delle parole che si scelgono, anche quando sono positive.
Penso sia un buon punto di partenza intanto cercare di spiegare cosa è stato fatto in questo film. E' un film girato in un unico piano sequenza, questa è la sua caratteristica principale, e ciò significa che è stato girato tutto in una volta, senza stacchi e quindi senza montaggio. E' stato girato per le strade di Berlino e in vari suoi locali una notte, dalle 4 e mezza fino alle prime luci della mattina, verso le 7, ed inoltre si può dire che sia stato un "buona la terza!" visto che è stato tentato altre due volte (e quindi altre due notti) ma, a causa di qualche errore commesso, è stato rifatto da capo e riuscito al terzo tentativo. E' un film con un budget ridottissimo, con attori quasi del tutto sconosciuti ma, soprattutto, con una tecnica impressionante. Nella storia del cinema ci sono molti film che contengono al loro interno intere scene, anche molto lunghe, realizzate in piano sequenza, ma sono in pochissimi i film interamente realizzati in piano sequenza, in quanto necessitano di una dose non indifferente di, appunto, tecnica, pratica e moltissima attenzione affinché la storia raccontata appaia il più naturale possibile, come se non ci fosse nessuno a riprenderla.


Ciò che è pienamente riuscito al regista Sebastian Schipper, a cui col cuore in mano auguro una carriera strepitosa, è esattamente questa sensazione di naturalezza. Il film, che dura quasi due ore e mezza, non racconta una storia particolarmente innovativa, ma è stato il modo in cui è stata raccontata, e non mi riferisco solamente al piano sequenza (comunque da brividi, pensate a quel povero cameraman, al peso che aveva sulle spalle, in tutti i sensi, mentre pregava per non inciampare per le scale), ma anche alla straordinaria ed intensissima prova degli attori, che non solo non sono usciti dai loro personaggi per tutta la durata della ripresa, ma che hanno fatto in modo di raccontare la storia nel modo più credibile possibile ed è anche grazie a loro se il film è di un'efficacia straordinaria. Mi ero ripromessa di non scendere nei dettagli di ciò che ho provato io, ma sono stata letteralmente inglobata nella storia, immedesimandomi non solo in Victoria, ma nell'intero gruppo e provando ogni loro emozione fin dall'inizio.


Cos'altro posso dirvi per convincervi a guardarlo? E' l'ennesima prova del fatto che non sono sempre (quasi mai, a dire il vero) il cast, i nomi ed i soldi a fare la differenza, ma prima di tutto il cinema è cuore, e qui ce n'è da vendere.

Commenti

  1. Film stupendo, emozionante e coinvolgente, e tecnicamente pazzesco.
    Uno dei migliori dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non puoi che trovarmi d'accordo. Davvero una bella sorpresa, ci voleva.

      Elimina
  2. Devo vederlo. Ce l'ho lì da anni.

    RispondiElimina
  3. Direi che si sente "leggermente" che ti è piaciuto. ;)

    Anche per me un'avventura fuori dall'ordinario, più che una semplice visione.
    Imperdibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È qualcosa di coinvolgente, quasi interattivo xD a fine visione non vedevo l'ora di rivederlo! Quindi si, straordinario.

      Elimina
  4. Vorrei anche fare un commento serio, articolato, di quelli che convincano a vederlo. Ma non servirebbe a nulla. Comunque, FILMONE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso non servirebbe a nulla, Alfonso? Non essere così pessimista xD

      Elimina

Posta un commento