Notte Horror 2017: La zona morta


Quest'anno, per la prima volta, il mio blog partecipa all'iniziativa annuale dei colleghi della blogsfera, la famigerata Notte Horror. É arrivato il mio turno insieme a Pietro Saba World, che un paio di ore fa ha parlato di Stigmate, e ho scelto di parlarvi di La zona morta.


Johnny, professore di lettere di una tranquilla cittadina americana, dopo una serata trascorsa con la sua compagna, rimane vittima di un brutto incidente stradale che lo induce in un coma lungo 5 anni. Al suo risveglio sono cambiate molte cose: quella che era la sua ragazza si è sposata con un altro uomo, Johnny non è più aggiornato sugli accadimenti nel mondo, da quelli politici a orribili omicidi che si stanno consumando in un paesino limitrofo, ma soprattutto scopre di essere in possesso di una strana capacità paranormale che lo indebolisce sempre di più.

Tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King, il film di David Cronenberg (Videodrome, La mosca, A Dangerous Method, A History of Violence) risale al 1983 e ricordo chiaramente di averlo visto da ragazzina, intorno ai 13-14 anni, su proposta di mio padre, sicuramente ignaro del genere d'appartenenza del film. Per me è stata una delle prime visioni "proibite", non che il film contenga grandi scene cruente, ma l'unica che si può definire propriamente tale mi è ben rimasta impressa in testa, cristallina e incorruttibile. Ma l'emozione del film horror mi segnò, tant'è vero che non ho mai esitato davanti ad un horror vero e, da quando mi avvicinai al mondo del cinema, li ho sempre trovati molto affascinanti. 


Ho sempre pensato, inoltre, che i più bei film horror siano quelli di una volta, e gli anni Ottanta hanno un'infinità di ottimi esempi, perché il modo di far paura era diverso, il terrore non si basava su ciò che veniva mostrato (o almeno non tutte le volte), non su alcune scene culmine con l'effetto "BOO", ma sull'atmosfera intera di un film, fin dalla prima scena, creata tramite una buona regia, dei buoni interpreti ed una buona colonna sonora importantissima, in quasi o in completa assenza di effetti speciali. Il segreto dei film horror di una volta sta proprio nella loro semplicità che spiazza il pubblico e lo terrorizza nel profondo, ed è anche il segreto per cui i film horror di una volta sembrano essere immortali; non importa quanti anni siano passati, continueranno ad avere la stessa presa sul pubblico.
La zona morta non è un horror come siamo abituati a vederne oggi. Come Il sesto senso, che viene considerato sia thriller che horror, di horror hanno solo alcune immagini un po' più cruente, quasi come se venissero così giustificate, ma per il resto sono due film che rientrano perfettamente nella categoria del thriller, sia per tematiche sia per pathos.


Perciò il film continua a funzionare egregiamente anche oggi, cosa che deve sicuramente all'opera da cui è ispirato scritta dal Re del genere ma anche da una regia che sa il fatto suo e che in quel periodo stava attraversando forse l'apice della propria produzione, con titoli che sono passati alla storia e che lo hanno impresso nella mente degli spettatori. 
Cronenberg deve comunque ringraziare Christopher Walken, straordinario attore di cui si parla forse fin troppo poco, che ha donato un'anima e un volto indimenticabile al film e che lo ha reso uno dei titoli memorabili nel suo genere degli anni '80.
Non aspettatevi quindi di saltare sulla poltrona durante la visione, non è questa la sua particolarità, piuttosto quella di rimanere ben lucido nella mente insieme alla sua atmosfera agghiacciante. 



Di seguito troverete tutti i link alle recensioni della Notte Horror.

Solaris - Possession
Mari's Red Room - Creepshow
Il Bollalmanacco di cinema - Dolls
A fish-flavoured apple - Jason X
Combinazione casuale - Christine, la Macchina Infernale
In Central Perk - Candyman
Non c'è paragone - La casa 7
Pietro Saba World - Stigmate

Commenti

  1. Gran film. Un magnifico Christopher Walken, che riesce a impersonare perfettamente il tormentato Johnny Smith e un "insolito" David Cronenberg, che pur prendendosi alcune libertà, trasporta piuttosto fedelmente il romanzo di King. Non proprio un horror, ma un fim che sa mettere tensione e appassionare. Ottima scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, e benvenuto, Marco ^^

      Elimina
  2. Ho letto il romanzo di King tanti tanti anni fa, ma il film mi manca. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il romanzo manca, invece, ma non è una novità xD
      Il film vale la pena vederlo, secondo me.

      Elimina
  3. Il film famoso come "l'unico di Cronenberg che può essere trasmesso in prima serata senza tagli" 😂 ottima scelta!

    RispondiElimina
  4. In effetti i film horror degli anni '80, ma anche tutti gli altri, pensavano molto ai dettagli, cosa che adesso raramente succede. Questo film è infatti l'esempio perfetto di come colonna sonora, regia ed effetti speciali accompagnino la sceneggiatura senza prendere il sopravvento, anche se credo di averlo solo a pezzi visto...comunque forse un ripasso ci sarà, ma intanto grazie di avermi citato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia il loro punto di forza. Ogni volta che vedo Shining o i film di Argento mi vengono i brividi, un motivo ci sarà.
      E comunque figurati, grazie a te!

      Elimina
  5. Mi sono rivisto il film da poco anche io, e devo dire che continua a risultare sempre molto al passo con i nostri (brutti) tempi, David Cronenberg non perde un minimo della sua coerenza tematica nemmeno con un film su commissione, risultato, una degli adattamenti di King, che piace anche a Stephen King, ottima scelta per la notte horror! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, porta bene i suoi anni e non annoia.
      Grazie mille ^^

      Elimina
  6. Una bel "battesimo dell'horror", con un bel film di un grande maestro del genere... non potevi partire meglio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kris! Sono contenta di aver finalmente partecipato.

      Elimina
  7. Purtroppo come molti sanno ho dei serissimi problemi con Cronenberg che mi spingono a non aver la voglia di recuperare i suoi titoli che non ho visto. Questo è tra quelli e anche se ne parli bene, non so se potrei mai farcela a dargli un'occasione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato, io non ne ero al corrente, però posso dirti che non annoia e dura solo un'ora e mezza, quindi ne vale la pena.

      Elimina
  8. Davvero un gran bel film.L'ho visto decenni fa ma ricordo bene le sue atmosfere allucinate.E grandissimo Walken!!!!

    RispondiElimina
  9. Gran bel film, più distopico che horror. Walken pazzesco, come sempre.
    Ottima scelta! :)

    RispondiElimina
  10. Arrivo tardi ma arrivo. Io ero arrivata a La zona morta grazie a Dylan Dog più che a Stephen King (ho letto il romanzo dopo), con lo splendido ed inquietante Ti ho visto morire, primo albo dell'investigatore dell'incubo mai acquistato. E avevo l'età che avevi tu quando hai visto per la prima volta La zona morta!
    Che dire, film splendido, con un Christopher Walken in stato di grazia!

    RispondiElimina
  11. Dopo 'Possession", cke KK ci ha presentato all'inizio, questo è il titolo più interessante della rassegna NH2017. Certo... la regola del gioco avrebbe voluto che si scegliesse una boiata, ma credo siamo tutto d'accordo a soprassedere. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anno prossimo giuro che cercherò qualcosa che entri completamente in tema. Non sono molto afferrata nell'horror trash xD

      Elimina

Posta un commento